Campo di gioco – foto di Maurizio di Leo

Squadra

Ogni settimana, in redazione, rincorriamo parole e riflettiamo sui significati, come un sasso gettato nello stagno, una parola liberata nella mente, produce onde e genera reazioni a catena. La vicenda della pandemia diffusa ci coinvolge tutti e ci impegna a trovare soluzioni, ognuno per quello che può fare, con la forza che può mettere, ma soprattutto ognuno con il suo ruolo. Il nostro piccolo gruppo lo sperimenta da mesi, per cercare il lato positivo e andare dritti all’obiettivo serve una squadra.

Buona lettura!

Per aiutare un bambino a crescere, dobbiamo fornirgli un ambiente che gli consenta di svilupparsi liberamente”, lo diceva Maria Montessori, e gli studi scientifici lo hanno confermato. L’isolamento sociale dovuto alla pandemia ha un effetto particolarmente negativo sui bambini. Da qui si è andata sviluppando una metodologia basata sulla collaborazione fra gli studenti, nota come “apprendimento collaborativo”, in parole povere, imparare facendo squadra. Sono sfide applicabili anche all’universo digitale, data la particolare situazione, senza mai perdere lo stile, ricordando che lo spazio virtuale è occupato da persone e che le parole sono importanti.

Essere sociali aiuta lo sviluppo del bambino

Spazi e apprendimento collaborativi

Il potere delle parole

Fare squadra vuol dire anche affrontare gli eventi usando metodi non convenzionali, magari perché vivi in un paese dove non puoi dare nulla per scontato. Oppure perché è dall’esperienza che si traggono gli insegnamenti migliori: come in Africa, dove hanno dimostrato che gli argini più forti alla diffusione della pandemia sono il senso della comunità e i processi partecipativi. Strumenti culturali che potrebbero perfino guidare il ridisegno delle nostre città, quando potremo dire addio all’emergenza sanitaria in atto. Magari costruendo un nuovo patto sociale, in cui si potrà vedere chiaramente l’assenza di legame tra remunerazione di mercato e valore sociale del lavoro, conferendo dignità ad ogni persona per la sua capacità di generare valore e non per la sua capacità di consumare.

Il successo della lotta al Covid in terra di Ebola

Lavoro – dignità al posto di merito (articolo consigliato)

Kamala Harris, “prima ma non ultima”, vicepresidente degli Stati Uniti

Qualunque sia il colore di una squadra, è utile vagliare tutte le ipotesi e accettare, quando serve, di cedere il passo. Insomma, bisogna anche saper perdere. Altre volte i colori assumono significati eccezionali, oppure svelano la loro opacità. La data visualization serve a rappresentare in maniera fedele il voto americano e diventa strumento per il dibattito sul sistema elettorale della prima democrazia occidentale.

Mappa elettorale del voto americano

Nello sport, la squadra è definita come un gruppo di individui che condividono un unico destino, sarà per questo che il mondo NBA si è radunato nel mega parco divertimenti di Disney World in Florida per completare la stagione, oppure perché nel calcio femminile italiano non si sono verificati casi di infezione da Covid-19. Mentre ci poniamo queste domande, prende il via la regata che prevede la circumnavigazione del globo, in questo caso la squadra è composta da due soli elementi, l’uomo e il mare.

Campionato a Disney World

Campionato femminile serie A – zero contagi

Vendée Globe – l’Everest della vela

Giocare in contemporanea: la Vendée Globe virtuale che corre insieme alla reale, con altri 65886 equipaggi – foto di Antongiulio Bua

Fare squadra oggi è necessario per vincere la sfida più importante che abbiamo in corso. Ognuno nel proprio ruolo e secondo logiche e schemi condivisi, ecco come uno fra i settori più sottoposti a stress e sollecitazioni, ha risposto all’emergenza in atto. Una vera e propria sfida della logistica che ha fatto i conti con la necessità di una pronta risposta in tempi concitati, scoprendo anche nuove soluzioni digitali.

La logistica farmaceutica nell’emergenza

e di fronte all’arrivo dei vaccini

Dunque, da dove possiamo partire nel nostro lavoro di tutti i giorni? Probabilmente dal considerare il gioco di squadra come un metodo di lavoro, consapevole e scandito da regole, perché squadra non è un gruppo nel quale tutti insieme tirano dalla stessa parte. “Lo spirito di ogni impresa è sempre un riflesso dello spirito del leader” (Kriyananda). Prima di tutto, i leader, oggi chiamati a uscire dalla propria zona di comfort dandosi nuovi obiettivi e mettendo al primo posto l’alleggerimento delle tensioni dei propri collaboratori rispetto alla produttività, quando da remoto si rischia il burnout. Magari trovando ispirazione dalla natura e derivandone nuovi strumenti agili.

Julio Velasco: la differenza tra gruppo e squadra (video consigliato)

La psicologia dei gruppi di lavoro

Suggerimenti per guidare i team nell’era Covid-19

Sprint Agile: come organizzare riunioni di pianificazione più efficaci

Sette lezioni di team building del regno animale

Senza dimenticare di essere inclusivi perché non tutti fanno squadra allo stesso modo, e non tutti raggiungono gli stessi risultati. A volte le migliori performance arrivano da modi diversi di approcciare i problemi: lo ricordiamo oggi che è appena trascorso l’Equal Pay Day del 2020, del resto sono i numeri europei a dirci che la strada da fare è ancora tanta.

In Europa il gender pay gap persiste

Indici sull’uguaglianza di genere

Per tutte le donne (per ritrovare la carica giusta)

Vi salutiamo con un paio di discorsi motivazionali del grande schermo per leader che amano prendere le scorciatoie

Ogni maledetta domenica – Al Pacino

Il signore degli anelli

E con un grazie ad Andrea Rapisardi della Cooperativa Lama per aver condiviso con noi il loro toolkit per costruire percorsi di apprendimento collaborativo, consapevoli ed integrati nella comunità.

Scaffale

La simmetria dei desideri, Eshkol Nevo, Beat

Mondiali di calcio del ’98, quattro amici guardano sognanti la televisione. Sono giovani, hanno condiviso esperienze, avventure, difficoltà e speranze. Decidono di scrivere ognuno su un biglietto un proprio desiderio e di riaprirli a distanza di quattro anni per vedere che cosa succederà. Un destino pronto a mettersi a moto, rivelatore di sorprese e colpi di scena, ognuno dei protagonisti cosa si ritroverà ad affrontare? Un romanzo per far luce in sé stessi e capire che cosa si desidera veramente.

Sei interessato a leggere il libro? Ti ricordiamo che esiste MLOL, la biblioteca digitale aperta e partecipata. Per prendere libri in prestito quando vuoi e dove vuoi.

La domanda per i lettori

Una squadra è fatta di persone, magari non come vogliamo, ma ognuno arricchisce il percorso e aggiunge un pezzo per il raggiungimento dell’obiettivo. È insieme che si ottengono i risultati migliori. Per te cosa vuol dire essere una squadra? Ci sono state occasioni in cui si è pienamente dimostrato? Mandaci se vorrai le tue riflessioni all’indirizzo illatopositivo@cnsonline.it

Condividi questo numero:

Puoi iscriverti qui per ricevere le prossime uscite direttamente alla tua casella email.

Leggi “Il lato positivo” delle settimane scorse