da domani - foto di Maurizio Di Leo

Da domani… – foto di Maurizio Di Leo

Propositi

“R idi. Balla. Medita. Perdona. Perdonati. Chiedi aiuto. Delega compiti. Permettiti di brillare. Comunica quello che senti. Realizza un progetto a cui tieni. Aiuta qualcuno. Dipingi un quadro. Fà una passeggiata. Gioca con tuo figlio. Leggi un bel libro. Canta sotto la doccia. Ascolta la natura. Ritorna bambino. Sii felice.” (Anonimo)

Appunti sistematici in agenda, altri sparsi nella mente in cerca d’ordine: Settembre è il Capodanno di metà anno. Ci si veste a festa fra nuove idee che circolano, progetti che si mettono nero su bianco e rinnovate strade si affacciano all’orizzonte. In Redazione si respira il vento del cambiamento, o solo la voglia di darsi ognuno dei buoni Propositi.

Buona lettura!

Abbiamo viaggiato ed esplorato ritrovando il mondo là fuori e pure qualcosa di noi nella quiete vacanziera. Settembre è il mese perfetto per ciò che vorremmo essere: i propositi di stravolgimenti sono radicali, a volte solo un po’ più accennati con il rischio o la fortuna che possano arrivare a compimento. Per vivere al meglio la ripresa e scongiurare sogni infranti, una raccolta di buoni propositi di un insegnante scrittore che calzano bene a tutti: ridere, collaborare e crederci!

Domani smetto

Cattivi propositi e filiere buone

Il primo giorno di scuola

Anche per il Paese le prospettive sembrano più rosee, ma non basteranno solo i buoni propositi. Tanto lavoro e riforme sembrerebbero gli ingredienti principali per la ripresa socio-economica dopo la crisi provocata dalla Pandemia. Le idee non mancano e le occasioni di confronto si scorgono all’orizzonte.

Rapporto “Studi Economici: Italia 2021” dell’Ocse

Festival Nazionale dell’Economia Civile (Firenze, 24-26 Settembre)

SANA, il biologico in fiera (Bologna, 9-12 Settembre)

Milano Design Week

Fra i punti all’ordine del giorno la creazione e il consolidamento di un nuovo modo di occupare gli spazi: inclusivo, sostenibile ed accessibile a tutti. In Italia e in giro per l’Europa si ripensano le regole dell’abitare, promuovendo e sperimentando soluzioni innovative dal punto di vista della sostenibilità e della qualità della vita.

Quale futuro per l’abitare in Italia? (un ciclo di 3 webinar promossi dal Comitato Nazionale per l’Housing Sociale)

Il referendum di Berlino

Alcune delle questioni più urgenti trovano risposte che uniscono pratiche dal basso al Nuovo Piano per la Povertà, ed altre sono invece d’ispirazione per attivare processi di cambiamento verso un mondo più sano.

Il nuovo “Piano per gli interventi e i servizi sociali di contrasto alla povertà”

Piano cinese per l’economia circolare

Ma se i buoni propositi non bastassero a portare avanti il proprio impegno per il bene comune? Sono le storie eroiche, di donne e uomini che combattono giorno dopo giorno per i propri diritti e di chi verrà dopo di loro. E se oggi non tutti ce l’hanno fatta ci auguriamo che non tutto venga reso vano.

Il salvataggio delle calciatrici di Herat

Eutanasia, scegliere la vita e decidere quando non lo è più

“La facoltà narrativa non solo è propria di ogni individuo, ma è fondamentale nella strutturazione del proprio rapporto con il mondo e correlativamente del proprio sé. Le narrazioni svolgono un ruolo determinante nella vita degli individui e delle comunità e pertanto non possono essere considerate idealisticamente un prodotto dell’intelletto per il piacere dell’intelletto e relegate poi al campo dell’estetica […]” (Gehlen, 1990: 90)”

Poi ci sono quelle istituzioni che si proiettano verso identità “altre”, attraverso storie da narrare al pubblico, generando pratiche di inclusione per creare spazi sociali condivisi e inediti. Un proposito inatteso (datato, ma ancora attuale) arriva da una delle cerimonie più note al mondo: ecco quali sono i criteri per il quale un film può ambire alla candidatura di un Oscar.

Oscar, i requisiti di inclusione

E a proposito di prossimi cambiamenti: forse non tutti sanno che a breve si vota in Germania, quali i propositi degli elettori?

In Germania si vota

Come ogni pratica, quella della commemorazione, è essenziale per lo sviluppo dell’identità individuale e collettiva, ponendosi come luogo privilegiato sia della conflittualità che dell’identificazione. Non importa se si è vittima o carnefice, essa serve a rievocare attraverso la condivisione un evento che s’imprime nella memoria di una civiltà. C’è chi oggi fa il saldo 20 anni dopo assumendo decisioni conseguenti.

11 settembre, la serie podcast che racconta le storie dei sopravvissuti

Biden: finita l’era delle grandi operazioni militari

Scaffale

Per dieci minuti, Chiara Gamberale, Feltrinelli

“Per un mese, a partire da subito, per dieci minuti al giorno, faccia una cosa che non ha mai fatto”. Così inizia una storia che vede la protagonista sperimentarsi in un gioco semplice, quasi banale, che alla fine avrà effetti sorprendenti. Il cambiamento può essere spaventoso, ma a volte necessario, ed è così che un minuto per volta è possibile cambiare direzione e tornare a vivere.

Sei interessato a leggere il libro? Ti ricordiamo che esiste MLOL, la biblioteca digitale aperta e partecipata. Per prendere libri in prestito quando vuoi e dove vuoi.

Il cartellone di Carlo Strata

Il cinefilo incallito di Kinodromo

cartellone-propositi

Sei pellicole d’ispirazione, per un viaggio fra i sentimenti e le direzioni inedite. Un cambio di rotta per voltare pagina, riscrivere un pezzo o aggiungere alla to do list nuovi propositi. Parliamo ovviamente solo di quelli buoni!

La domanda per i lettori

Quella più pronunciata, forse la più scomoda e sopravvalutata, sicuramente dalla prospettiva variabile: c’è chi non aspetta tempo perché ogni occasione è buona per partire dal via, chi invece celebra i grandi avvenimenti con rinnovati propositi. Quali sono i tuoi, se ci sono, per il prossimo futuro? Scrivici se vuoi le tue riflessioni a illatopositivo@cnsonline.it

Condividi questo numero:

Puoi iscriverti qui per ricevere le prossime uscite direttamente alla tua casella email.

Leggi “Il lato positivo” delle settimane scorse