You’re welcome – foto di Maurizio Di Leo

You’re welcome – foto di Maurizio Di Leo

LANTERNE VERDI

O gni storia, piccola o grande che sia, è preceduta dal buio: è buio il teatro prima che si apra il sipario, il libro prima che il lettore volti le pagine, lo schermo del cinema prima che si accenda il proiettore. L’inizio di ogni storia coincide sempre con l’arrivo della luce, e il Lato Positivo di questo mese racconta di persone, idee ed emozioni particolarmente luminose. Saranno le lanterne verdi, come quelle accese al confine per aiutare i profughi che riescono a superare il confine bielorusso, a portare la luce più intensa: noi, nel nostro piccolo, proviamo a tenerle accese.

Buona lettura!

Una scintilla che dà nuova vita all’idea di comunità inclusiva e capace di accogliere, che non smette per questo di essere coesa: le lanterne verdi possono essere una risposta all’indifferenza e all’egoismo, il riscatto di una dimensione collettiva di cui troppo spesso si lamenta la scomparsa ma di cui, in realtà, facciamo parte tutti (e con noi anche i “nostri” animali!).

Una chiesa che accoglie tutti

Casa rifugio in compagnia

La vicenda della coppia triestina

Progetto Vesta (idee per chi vuole mettersi all’opera)

Poi ci sono battaglie, non meno nobili, che è giusto combattere anche quando si è in solitudine, forse per permettere ad altri di non esserlo più. C’è chi prende la propria bici e la trasforma in un mezzo con cui portare le storie, grandi o piccole che siano, in un luogo dove è difficile trovarle – e c’è chi, invece, lotta in difesa dei diritti di categorie di persone ignorate, costrette a stare ai margini da troppo tempo.

Cultura in movimento

Liberi di scegliere

Se la più grande sfida del nostro tempo è quella di allenarsi costantemente per favorire l’inclusività, doveva averci visto lungo l’economista che negli anni trenta sperava di rivoluzionare anche il mondo del lavoro, e dell’economia tutta, per assicurare un maggior livello di qualità della vita. Nella pratica sono diverse le esperienze di riduzione delle ore di lavoro, che pure tentano di sfidare i ritmi imposti dal capitalismo, senza però gravare sulla produttività. Intanto, c’è anche chi pratica un’accoglienza inedita per favorire il clima positivo ideale. Sì, ma, proprio con tutti?

Keynes: il lavoro del futuro

Cani e gatti a lavoro

Positività in ufficio (consiglio di lettura)

frase-lanterne verdi

Innumerevoli i dibattiti e i tavoli che vedono uomo e ambiente al centro del diverbio più animato: cosa ostacola l’interesse per l’ambiente e quali sono i motivi della nota difficoltà a tutelarne l’integrità? Vi proponiamo un’interessantissima analisi dei nuovi scenari del pensiero ecologista, consapevoli che ogni domanda va vista sempre da più angolazioni.

La crisi ambientale e il “nuovo pensiero ecologico”

Chi è il più grande inquinatore al mondo? (per leggere l’articolo in italiano cliccare sull’icona di Google Translate   in fondo a destra nella barra dell’url)

Una luce di speranza si intravede nell’ingegno di chi progetta soluzioni alternative per fronteggiare i mali peggiori: lanterne che illuminano la strada ancora da compiere affinché si riduca al minimo l’impatto sociale in termini, anche, di sfruttamento del lavoro e popolazioni coinvolte.

Warka Water: estrarre acqua dall’aria

Pannelli fotovoltaici “da interno”

I minatori romeni cercano un’alternativa al carbone

Terre rare, parliamone

L’importante è muoversi, e farlo subito. Come chi dai grandi schermi sceglie una mobilità sostenibile e chi lo fa letteralmente correndo, unendo l’utile al dilettevole.

Le celebrità dei veicoli elettrici

Plogging: sport e pulizia dell’ambiente

plasticfree-sputnink

Ma la speranza è l’ultima a morire e chi visse sperando morì non si può dire” (Piero Pelù)

Un canto di speranza, quello che il mondo vada verso una direzione positiva. Siamo convinti che è il modo in cui noi guardiamo le cose ad influenzare il nostro futuro, incoraggiando nuove idee. Come quella che ci arriva dagli Stati Uniti, un modo tutto nuovo di pensare alle case, ai quartieri, alle città. Sono villaggi composti da mini-case, carine, economiche e sostenibili.

Le mini-case cambieranno il mondo?

Sono anche altre le questioni su cui si dibatte, invitando tutti a dire la propria, e pare proprio che ci sia un grande accordo su un mercato che è in forte ascesa. Come nel caso della finanza sostenibile: la rinnovata consapevolezza in materia ambientale finirà per apportare importanti cambiamenti anche in quel campo?

Cannabis legale o no?

La corsa globale dei green bond

“Quando c’è amore nel cuore, ci sono arcobaleni negli occhi, che ricoprono ogni nuvola nera con sfumature meravigliose” Henry Ward Beecher

I colori, se sai scegliere quelli giusti, dosarli e abbinarli trasformano la tua casa in ambienti indimenticabili. Che sia giallo, rosso, verde o blu, lo spazio che abitiamo innesca reazioni differenti nel nostro organismo. Una vera e propria medicina alternativa, ma quali sono le virtù terapeutiche associate ai colori?

Il potere dei colori non ha più segreti

Cromoterapia

Un nostro pensiero al 25 novembre: Dieci storie di donne che raccontano la loro rinascita

E i migliori complimenti alla nostra Formula Servizi, una lanterna verde accesa alla Cop26, grazie ad un riconoscimento che ha tanto di eccezionale: la scuola più green d’Europa!

Scaffale

In mare non esistono taxi, Roberto Saviano, Contrasto

Un libro testimonianza che smonta la propaganda e le bugie sull’immigrazione attraverso le parole e le immagini di chi ha visto, documentato, fotografato, aiutato. Con fotografie di Martina Bacigalupo, Olmo Calvo, Lorenzo Meloni, Paolo Pellegrin, Alessandro Penso, Giulio Piscitelli, Moises Saman, Massimo Sestini, Carlos Spottorno.

Io sono con te, Melania G. Mazzucco, I coralli

Due donne si incontrano per mesi, imparano a conoscersi, a capirsi, a fidarsi l’una dell’altra. Una si chiama Brigitte, arriva dal Congo, ha perso tutto e comincia a raccontare; l’altra si chiama Melania, l’ascolta a lungo e poi quella storia decide di scriverla.

Sei interessato a leggere il libro? Ti ricordiamo che esiste MLOL, la biblioteca digitale aperta e partecipata. Per prendere libri in prestito quando vuoi e dove vuoi.

Azioni circolari

Nella vita di tutti i giorni possiamo fare piccoli gesti sostenibili: idee alternative ed esperimenti green per educarci a vivere in modo consapevole. In questo numero vi presentiamo qualche soluzione pratica per creare delle merende zero waste, per grandi e piccoli. Quale sarà la vostra prossima?

Sette snack zero waste

La domanda per i lettori

Il Faro di Cordouan è il più antico faro marino francese, l’unico ancora abitato e sorvegliato dal 1611. Da oltre 400 anni, il “Faro dei re” notte dopo notte protegge dalla nebbia e dalle tempeste, illumina e guida i naviganti. Di giorno faro che svetta nell’oceano, al buio lanterna e luce nella notte. La sua visita è emozionante: si arriva in barca con la bassa marea, sospesi in mare aperto, tra le dune dell’oceano. Raffinato gioiello d’acqua, museo fra le onde. La scivolosa passerella ti conduce al faro per scoprire le sue meravigliose stanze, il sontuoso appartamento reale, la cappella, l’elegante scala a chiocciola. Ma è l’ultima stanza, in sommità, il cuore pulsante del faro, la Sala della Lanterna, che toglie il fiato, e dalla cui terrazza si gode uno spettacolo unico sull’oceano, dove un tempo si alimentava il fuoco notturno per dare luce e sollievo ai marinai. Da lassù puoi immaginarti le barche e i velieri che si affidavano alla sua guida, in cerca della luce che indicava la via, fiduciose del suo segnale.

Come le lanterne verdi segnalano un rifugio sicuro, emanano una luce di umanità e calore nei freddi boschi dell’est, i fari guidano e proteggono la vita dei naviganti in difficoltà, nell’oscurità del mare.

Per i migranti oggi, come per i naviganti un tempo, la fiamma è vita, un simbolo di aiuto e di vicinanza umana.

E tu, nel corso della vita hai mai acceso una tua “lanterna verde”? Raccontalo se vuoi a illatopositivo@cnsonline.it.

Condividi questo numero:

Puoi iscriverti qui per ricevere le prossime uscite direttamente alla tua casella email.

Leggi “Il lato positivo” delle settimane scorse